QUI E ALTROVE | mostra fotografica

di Sguardi sul Reale
Festival del cinema documentario
6ª edizione

 

16 – 19 aprile

 

Palazzo Concini
Afghanistan di Francesco Cito
Boxing Notes di Giuseppe Cardoni

Aula del Consiglio
Refugees in Bulgaria di Alessandro Penso

Inaugurazione mostra: sabato 16 aprile ore 18:00 | Aula del Consiglio

alla presenza degli autori

aperitivo a cura di #QuasiQuasi_social cafè

 

Orari di apertura:

sabato 18:00 – 21:00
domenica 11:00 – 13:00 | 16:00 – 20:00
lunedì 16:00 – 20:00
martedì 16:00 – 20:00

Visite per le scuole:
venerdì 15 aprile | ore 11:30 -> I.S.I.S Valdarno
lunedì 18 aprile | ore 9:30 -> Istituto Comprensivo Giovanni XXIII

Ingresso gratuito

Palazzo Concini

via Concino Concini 41d

Aula del Consiglio
via Poggio Bracciolini 3/b

Terranuova Bracciolini (Ar)

info
www.lefornaci.org
macma.it
info@macma.it
Facebook: Sguardi sul Reale
+39 338 78 29 224

Refugees in Bulgaria di Alessandro Penso

Nel 2013, principalmente come conseguenza della guerra in Siria, la Bulgaria si è trovata nel mezzo dei flussi migratori internazionali come mai prima nella sua storia.

Presa completamente impreparata dall’arrivo improvviso di circa 11.000 rifugiati e richiedenti asilo all’interno dei suoi confini in pochi mesi, il governo Bulgaro definirà questo evento come la più grande emergenza umanitaria degli ultimi 90 anni.

La gestione della crisi umanitaria verrà fortemente criticata, per mancanza di strutture e personale, spingendo l’Unione europea a intervenire con un contributo di quasi sei milioni di euro, che la Bulgaria ha utilizzato per ristrutturare e organizzare i suoi centri per rifugiati e per controllarne il confine con la Turchia.

Questo lavoro esamina la questione dell’immigrazione in Bulgaria, durante la crisi ed ora che la crisi è passata, cerca di documentare i cambiamenti che il paese sta subendo affrontando la questione dei migranti, richiedenti asilo e rifugiati.

Mentre le condizioni per i rifugiati nei centri e nei campi sono migliorate, l’approccio globale della Bulgaria è rimasto quello di chiusura, come dimostrato dalla sua costruzione di una recinzione lungo il confine con la Turchia, e dalla sua scarsa attenzione al problema di integrazione e sostegno ai rifugiati oltre i centri.

Realizzata con il sostegno del Magnum Foundation Emergency Fund.

Afghanistan di Francesco Cito

In seguito all’invasione sovietica del 1979, Francesco Cito è entrato illegalmente in Afghanistan per la prima volta nel 1980. Ha viaggiato a piedi, per tre mesi e per 1200 km, al fianco dei guerriglieri mujaheddin, per raccontare l’occupazione di un paese ancora allo stato arcaico, invaso da quella che era considerata la seconda potenza militare del mondo, e altri viaggi dopo il 1989 durante la ritirata dell’esercito sovietico. Ovunque l’impronta della guerra, villaggi distrutti, schiere di profughi verso i campi allestiti lungo le linee di confine. Soldati sovietici caduti negli agguati tesi dai mujaheddin e  lasciati in decomposizione, sepolture islamiche improvvisate lungo il percorso, dei tanti guerriglieri uccisi in combattimento.

Boxing Notes di Giuseppe Cardoni

Boxing Notes è costituito da alcuni momenti di poesia visiva, catturate in certi particolari territori della boxe, con lo sguardo e l’attenzione rivolti agli ambienti e agli aspetti umani che li connotano. Nei territori del pugilato si raccontano storie di vita, di atmosfere, di lealtà, di rispetto delle regole, di riflessioni, di sensibilità e funzione sociale dello sport.

Scatti in bianco e nero raccolti in una trama di elevato profilo linguistico-espressivo nell’ambito di un progetto ideato, strutturato e realizzato con l’intento di rendere omaggio a uno sport che va scomparendo sull’orizzonte del tempo e “archiviare” un mondo singolare.